Erin la fata

magiche avventure nella terra di Sempre

   giu 30

Fata Kaka e fata Petrino

 

Il giorno in cui videro la luce fata Kaka e fata Petrino nel Giardino dei Sorrisi.

Era una bella giornata di Sereno nella Terra di Sempre quella volta che fata Erin si svegliò con una strana sensazione alle ali. Aveva come un solletichino che la faceva sorridere e saltellare senza tregua e più provava a soffiare, scrollare, accarezzare o grattare le sue alucce e più il solletico aumentava… Cosa mai le stava succedendo?
Fata Erin decise di raccontare quella strana sensazione a Re Ari e alla regina Tecla perció  si diresse decisa al Giardino dei Sorrisi dove i suoi genitori erano soliti passeggiare quando non si dedicavano alle questioni di governo. In quelle occasioni di svago privato la regina, che poteva trasformarsi in qualunque animale, si trasformava in insetto e il re la seguiva prendendola di tanto in tanto in mano per farla riposare.
Ma ciò che fata Erin vide quel mattino, giungendo nel giardino dei Sorrisi, fu una scena davvero preoccupante: la regina, che aveva preso le sembianze di un ragno, stava pungendo ripetutamente re Ari sulla mano! Per nulla disturbati dal suo arrivo i reali sposi la salutarono: “Oh figlia, ben svegliata, ahi,  ti aspettavamo, ahi ahi – disse re Ari – l’oracolo dice che oggi arriveranno i tuoi fratelli”. “Ma, fino ad ora, non si sono fatti vivi -aggiunse sua madre- eppure sto pungendo tuo padre esattamente come accadde quella mattina in cui nascesti tu”.
La nascita di fata Erin era stata, infatti, davvero prodigiosa e re Ari e regina Tecla pensavano che i suoi fratelli sarebbero nati allo stesso modo.
“Capisco, ihihih, ma io, in verità, ihihih, sono venuta a chiedervi un rimedio per il solletico”, rispose ridacchiando fata Erin.
A queste parole, le piante del giardino cominciarono a sorridere e le ali di fata Erin furono scosse da un fremito irrefrenabile, quasi avessero vita propria.
Qualcosa stava per accadere.
La fatina cominciò a ridere e a scuotersi così tanto che dalle sue ali si sprigionò una polvere luminosa che la avvolse in una densa nube dorata. Quando la nuvola si diradò, alle spalle di fata Erin comparvero due esserini luminosi con i suoi stessi occhi verdi e con morbidi riccioli viola.
“Io sono Kaka e lui è Petrino- si presentarono i nuovi arrivati. Il re Ari gonfiò il petto pieno d’orgoglio, Fata Erin battè festosamente le manine al colmo della gioia e la regina riprese le sue sembianze originali per poter abbracciare i suoi figli.
Da quel giorno regina Tecla, re Ari, fata Erin, fata Kaka e fata Petrino furono una cosa sola.

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>